Archive for the ‘Senza categoria’ category

La vita su lune lontane. Ipotesi di forme di vita anche al di fuori del nostro sistema solare

5 luglio 2018

esoluna

Esoluna potenzialmente abitabile di un esopianeta gigante gassoso, al di fuori del nostro sistema solare. Immagine artistica (NASA/JPL-Caltech)

La ricerca di prove di vita su altri pianeti da sempre affascina l’uomo. Le recenti scoperte di molecole organiche su Marte (https://www.nasa.gov/press-release/nasa-finds-ancient-organic-material-mysterious-methane-on-mars), da parte del rover Curiosity, hanno entusiasmato gli scienziati, e non solo, di tutto il mondo. Ma cosa si può dire della possibile vita su lune lontane? In uno studio congiunto (http://iopscience.iop.org/article/10.3847/1538-4357/aac384/meta), ricercatori americani, australiani e brasiliani hanno identificato più di 100 pianeti giganti che potenzialmente ospitano lune capaci di sostenere la vita.

Il telescopio Kepler (https://www.nasa.gov/mission_pages/kepler/main/index.html ), spedito in orbita dalla NASA nel 2009, ha identificato in questi anni migliaia di pianeti al di fuori del nostro sistema solare, chiamati esopianeti. Tra questi sono stati individuati 121 pianeti giganti gassosi che si trovano nella cosiddetta “fascia abitabile della loro stelle”, ossia ad una distanza dove la vita è potenzialmente possibile. Pianeti gassosi così vicini alla propria stella sono meno comuni dei pianeti terrestri, ma si pensa che ciascuno di essi possa ospitare diverse grandi lune, dette esolune. Gli scienziati hanno ipotizzato che queste esolune potrebbero fornire un ambiente favorevole alla vita, forse persino migliore della Terra. Questo perché ricevono energia non solo dalla loro stella, ma anche dalla radiazione riflessa dal pianeta cui orbitano attorno. Sebbene ad oggi nessuna esoluna è stata confermata, i dati di questa ricerca, guideranno la progettazione di futuri telescopi in grado di rilevare queste lune potenziali e cercare segni di vita nelle loro atmosfere.

Silvia Panseri (ISTEC – CNR)

 

Annunci

Opposizione di Marte: 27 luglio 2018

12 gennaio 2018

L’opposizione di Marte è il momento in cui questo pianeta e la Terra sono allineati allo stesso lato della loro orbita attorno al Sole. Questo fenomeno, a causa della diversa eccentricità delle orbite dei due pianeti, non coincide quasi mai con la minima distanza tra i due corpi, che in genere è anticipata o posticipata di qualche giorno rispetto all’allineamento. Quando Marte si trova al perielio è quindi distante dalla nostra orbita solo 55 milioni di chilometri, mentre quando si trova all’afelio la distanza è di 101 milioni di chilometri. Le opposizioni “estreme” di Marte vengono conseguentemente chiamate opposizioni al perielio ed opposizioni all’afelio.

Quest’anno, per tutto il mese di luglio e agosto, Marte diverrà il vero protagonista delle nostre notti estive: infatti, lo si potrà vedere al meglio proprio perché è posizionato più vicino alla Terra avendo come conseguenza una maggiore grandezza apparente. Si potrà così osservarne un maggior numero di dettagli con un telescopio dai 200 ingrandimenti in su.

Particolare importanza hanno avuto le Grandi Opposizioni del 2003 e del 2005, in cui questo pianeta si trovava alle distanze rispettivamente di 55,7 e 69,4 milioni di chilometri, mostrandosi come un astro molto luminoso in cielo.

Quest’anno, precisamente il 27 luglio, Marte si troverà a 0,386 Unità Astronomiche, ovvero poco più di 57,6 milioni di chilometri, da noi; mentre la massima distanza che si può raggiungere tra quest’ultimo e la Terra è di 401 milioni di chilometri. Ipotizzando un viaggio verso Marte durante l’opposizione ci impiegheremmo circa 7 mesi, mentre nel periodo di massima distanza sarebbe di circa 3 anni. Il 27 di luglio Marte sorgerà a sud-est, culminando a sud e tramontando a sud-ovest poco prima dell’alba, sarà quindi il momento ideale per osservare al meglio il pianeta che ci apparirà più brillante del solito. Nonostante le maggiori dimensioni però, dovremo ricorrere a telescopi preferibilmente di medie o grandi dimensioni.

Inoltre, si è diffusa nel web una “fake news” (notizia falsa) riguardante la dimensione di Marte: l’articolo informa che il 27 agosto a mezzanotte e mezza “il pianeta rosso sarà grande quanto la Luna piena”, e si tratterebbe di un evento rarissimo che si ripeterebbe solo nel 2287. Naturalmente si tratta di un’assurdità: se Marte dovesse avvicinarsi così tanto alla Terra da essere grande come la Luna ci ritroveremmo con più problemi, quali per esempio forze di marea e sconvolgimenti gravitazionali.

Sempre il 27 di luglio in Italia sarà possibile osservare anche un’eclisse lunare totale. L’eclisse inizierà al sorgere della luna in modo parziale alle 19.13 e totale alle 21.30, fino circa all’una di notte.

Per avere maggiori informazioni riguardo l’eclissi e l’opposizione di Marte è possibile scaricare un programma per computer chiamato “Stellarium” oppure un’applicazione per cellulari denominata “Mappa Stellare”.

La Torre del Sole sicuramente organizzerà una serata dedicata a questi eccezionali eventi astronomici.

Seguiteci sul nostro sito http://www.latorredelsole.it

 

 

 

Melany Penaranda e Laura Accardi

Alternanza scuola-lavoro

Liceo Scientifico F. Lussana

CAMPUS ASPETTANDO LA SCUOLA 4-8 Settembre 2017 – ragazzi 7 – 12 anni

28 luglio 2017

 

Campus estate 2017 alla Torre del Sole – Ragazzi 7 – 13 anni

3 maggio 2017

Aggiunta nuova settimana a settembre 2017:

TRA CIELO E TERRA

Una settimana a bordo del divertimento alla scoperta del meraviglioso mondo della scienza. Conosceremo il nostro pianeta Terra e al pomeriggio il resto dell’universo. Proiezioni al planetario e laboratori ludico pratici per imparare divertendosi.

PERIODO
Dal lunedì al venerdì
Settimana 1:
Dal 10 al 14 luglio 2017- DA 7 A 11 ANNI
ore 9 – 12,30 scienze naturalistiche (visita al Parco Faunistico le Cornelle sabato 15 luglio).
ore 14,30 – 18 scienze astronomiche (serata finale venerdì 14 luglio )

Settimana 2:
Dal 17 al 21 luglio 2017 – DA 7 A 13 ANNI
ore 9 – 12,30 scienze astronomiche (serata finale venerdì 21 luglio) – DA 7 A 13 ANNI.
ore 14,30 – 18 scienze del pianeta Terra – DA 7 A 11 ANNI.

Settimana 3:
Dal 24 al 28 luglio 2017 – DA 7 A 11 ANNI
ora 9 – 12,30 scienze del pianeta Terra.
ore 14,30 – 18 scienze astronomiche (serata finale venerdì 28 luglio)

Settimana 4:
Dal 31 luglio al 4 agosto 2017- DA 7 A 11 ANNI
ore 9 – 12,30 scienze naturalistiche (visita al Parco Faunistico le Cornelle sabato 5 agosto).
ore 14,30 – 18 scienze astronomiche (serata finale venerdì 4 agosto).

COSTI:
FULL TIME € 155,00;
PART TIME CON PRANZO € 95,00;
PART TIME € 65,00.
Info e prenotazioni: 035 621515 – info@latorredelsole.it
Qua sotto è possibile scaricare il pdf della brochure con i programmi completi.

campus 2017 brochure

campus 2017 brochure davanticampus 2017 brochure dietro

loc campus.jpg

UN VIAGGIO NELLA VIA LATTEA – Giovedì 23 marzo 2017 – ore 21.00

2 marzo 2017

Per il ciclo “Appuntamento con la Scienza” proponiamo la conferenza:

UN VIAGGIO NELLA VIA LATTEA
locandina-trezzi-rid
Ormai invisibile ad occhio nudo dai cieli cittadini, la Via Lattea appare come un luogo lontano e quasi irreale. In realtà quella tenue banda biancastra che solca il cielo è la nostra casa: un insieme di miliardi di stelle di cui il Sole ne è solamente un esempio.
In questa conferenza andremo a scoprire le bellezze del cosmo con un viaggio immaginario che dai cieli terrestri ci porteranno nello spazio più profondo. Vedremo cosa sono le stelle: come nascono, crescono e muoiono. Scopriremo le strutture delle Galassie e dei corpi celesti che le circondano.

Giovedì 23 Marzo, ore 21.00 – Sala Conferenze

Relatore: Davide Trezzi
Dottore di Ricerca in Fisica presso l’Università degli Studi di Milano ha lavorato presso i più grandi laboratori al mondo di Fisica Nucleare e delle Particelle (CERN, Laboratori Nazionali del Gran Sasso). Divulgatore e astrofilo, è stato presidente del Gruppo Amici del Cielo dal 2009 al 2011, associazione della quale è socio dal 1998.

Ingresso € 3,00
Per informazioni/Prenotazioni: tel. 035621515 – info@latorredelsole.it

I BUCHI NERI

17 giugno 2016

EINSTEIN E LA RELATIVITÀ

Agli inizi del secolo scorso, Albert Einstein formula la teoria della Relatività, che va ad affiancare la teoria di gravitazione  di Isaac Newton. Per Newton la gravità crea un campo simile a quello prodotto da un magnete:  questo campo fa sì che la Terra eserciti su una mela o sulla Luna una “forza” che le attira. È un fatto normale: tutti i corpi che possiedono una massa esercitano tale forza. Einstein, invece, formula un’altra ipotesi : tutti i corpi dotati di massa, dal Sole fino a una biglia, curvano lo spazio attorno a se stessi. Per avere un’idea di ciò che significa basta pensare a una palla appoggiata su un materasso: deforma la superficie su cui poggia e scorre. Questo esempio riguarda uno spazio a due dimensioni, mentre Einstein pensava ad uno spazio a tre dimensioni:un po’ più difficile da immaginare. La Relatività generale ipotizza anche che un oggetto con densità molto elevata e con una grande massa può collassare su se stesso fino a concentrarsi in un punto a densità infinita. Quel punto è chiamato singolarità. La singolarità deforma così pesantemente lo spazio attorno a sé che neppure la luce, se vi passa sufficientemente vicino, può uscirne. Siamo così arrivati a immaginare un buco nero.

Deformazione Spazio-Tempo da parte della Terra

BUCHI NERI

La stella (ormai supernova, ovvero già esplosa) deve avere una massa davvero elevata per poi collassare su se stessa e formare così una regione di spazio che attira tutto ciò che vi si avvicina. La forza di attrazione gravitazionale di esso è immensa: qualunque cosa che gli passi troppo vicino viene catturata e vi cade dentro, senza poterne più uscire. Nemmeno un raggio di luce, che è la cosa più veloce che esista in natura, può sfuggire a questo mostro: non potendo emettere radiazioni, esso è completamente oscuro e non può essere “visto”. Da ciò deriva l’aggettivo “nero” che gli viene attribuito. Cosa succede però quando due buchi neri sono vicini? Dato che attraggono a sé tutto ciò che li circonda cominceranno ad avvicinarsi sempre più fino a fondersi l’uno con l’altro. Questa “unione” da origine a due “eventi” importanti: la creazione di un buco nero ancora più massiccio e la creazione di onde gravitazionali.

Buco Nero che risucchia una stella.

ONDE GRAVITAZIONALI

Quando due buchi neri si fondono, le loro masse si uniscono ma non sarà mai una somma perfetta, la parte “mancante” verrà trasformate in una energia diversa, quella delle onde gravitazionali che inizieranno ad espandersi verso tutto l’universo.Questo fenomeno è un’ulteriore conferma alla teoria della relatività di Einstein secondo cui la massa può trasformarsi in energia ( E=mc² ).

Buchi Neri in relazione tra loro creando onde gravitazionali

TEORIA DEI “WORMHOLE”

Un Wormhole, anche detto ponte di Einstein-Rosen o  tunnel spazio-temporale, è un passaggio nello spazio-tempo che permetterebbe di percorrere istantaneamente enormi distanze intergalattiche. Questa teoria prevede che due buchi neri riescano a deformare lo spazio-tempo a sufficienza da incontrarsi in un punto, formando cosi una specie di “ponte” di collegamento istantaneo a prescindere dalla distanza effettiva.

Due buchi neri connessi tra loro

 

 

Per approfondire cliccate sui seguenti link:

http://www.lescienze.it/argomento/buchi%20neri

http://www.treccani.it/enciclopedia/buchi-neri_(Enciclopedia-dei-ragazzi)/

http://www.nasa.gov/audience/forstudents/k-4/stories/nasa-knows/what-is-a-black-hole-k4.html

 

                                                                                         Sara Fusco

Flavio Orlando

Tirocinanti presso “La Torre del Sole”

Giugno 2016

 

AMICO TELESCOPIO

29 gennaio 2016
Lucidiamo i telescopi, spolveriamo gli oculari e prepariamoci ad osservare il cielo dei prossimi mesi; sono in arrivo i pianeti più brillanti del sistema solare.
Nel frattempo venite a:

Corso d’introduzione all’astronomia pratica 4 Novembre – 9 Dicembre 2016 ore 21.00

Venerdì 4 Novembre 2016 – Lezione 1 – ELEMENTI DI GEOGRAFIA ASTRONOMICA, CAPIRE I MOTI CELESTI: visibilità della volta celeste, i moti della Terra, dei corpi celesti e i fenomeni che ne conseguono. Punti e piani fondamentali di riferimento, sistemi di coordinate celesti.

Venerdì 11 Novembre 2016 – Lezione 2 – COSA OSSERVARE: tipologia, morfologia e caratteristiche dei principali corpi celesti, tecnica e modalità della loro osservazione.

Venerdì 18 Novembre 2016 – Lezione 3 – GLI STRUMENTI ASTRONOMICI (prima parte): i telescopi e le loro montature. Principi di funzionamento ottico e meccanico. Modalità d’impiego, prestazioni e accessori utili.

Venerdì 25 Novembre 2016 – Lezione 4 – GLI STRUMENTI ASTRONOMICI (seconda parte): i telescopi e le loro montature. Principi di funzionamento ottico e meccanico. Modalità d’impiego, prestazioni e accessori utili.

Venerdì 2 Dicembre 2016 – Lezione 5 – PIANIFICAZIONE DELLA SERATA OSSERVATIVA: software e altri strumenti utili per programmare in anticipo l’osservazione. INTRODUZIONE ALLA RIPRESA DI IMMAGINI ASTRONOMICHE: come iniziare a riprendere gli astri con fotocamere digitali, reflex e webcam.

Venerdì 9 Dicembre 2016 – Lezione 6 – STAR PARTY: serata di osservazione pratica, con strumenti propri e dell’osservatorio. In caso di maltempo si terrà una dimostrazione pratica di montaggio e utilizzo degli strumenti e si stabilirà una nuova data in base alle disponibilità del calendario del centro.

Costo: € 60
Info e prenotazioni: 035 621515 – info@latorredelsole.it
AMICO TELESCOPIO  prossimo incontro: DATA DA DESTINARSI
Costo: € 6 intero; € 4 ridotto (bambini 4-10 anni e over 65).
Mini corso per imparare a conoscere e utilizzare un piccolo telescopio.
L’incontro, della durata di circa due ore, è rivolto a chi già possiede o a chi vorrebbe un giorno acquistare uno strumento per osservare gli oggetti celesti.
Vi illustreremo le caratteristiche dei diversi tipi di telescopi, come montarli correttamente e come utilizzarli al meglio.
Nel planetario vi mostreremo le stelle e le costellazioni più importanti per iniziare a conoscere la volta celeste e vi spiegheremo i movimenti del sole, della luna e dei pianeti.
Se avete già uno strumento, potete portarlo con voi per chiarire insieme a noi tutti i dubbi che avete sul suo utilizzo.

Ingresso: intero € 6,00 ridotto € 4,00

Informazioni e prenotazioni: tel. 035621515 – mail info@latorredelsole.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: